mouse-swirl_greenIndagini sulla qualità dell’aria a cura di un Enti o Aziende di alta specializzazione

bullet_ball_green (2)ISTITUTO DI RICERCHE FARMACOLOGICHE MARIO NEGRI

2001 2002 2003 2004 –  2005 200620072008 2009

dal 2010, al fine di approfondire i controlli “volontari” le indagini affidate ll’Istituto Marion Negri  vengono effettuate con cadenza semestrale

2010 2010 2011 2011 2012 2012 2013 20132014 2014 201520152016 2016 – 

bullet_ball_green (2)dal 2017 a seguito di gara le indagini odorigene sono statte affidate a IGIENSTUDIO SRL

2018 dic
2018 giu

2017 dic 
2017 set
2017 bis recupero della semestrale di Agosto 2017 per guasto alle apparecchiature

 

bullet_ball_green (2)Università Politecnica delle Marche

Cento Orto Botanico Interdipartimentale dei Servizi

2007 Analisi puntuale della vegetazione, dello stato fitosanitario delle specie arboree ed arbustive e attivazione di un sistema di monitoraggio biologico per il controllo di eventuali fitopatie.

Bio-Monitoraggio ambientale attraverso l’utilizzo di api mellifere

2007 2008 2008 2009 2010 monitoraggio del verde sett 20102011 il progetto biodiversità2011 2012 relazioni2012

nasce C.RE.HA.nature che prosegue le attività iniziate da Univpm

 2013 I^ Relazione 2014 2014 relazione2014 –  II^ Relazione 2015 – III^ Relazione 2016

informazioni sul biomonitoraggio: clicca sull’immagine per leggere a pagina intera
2015crehanature

 

 Il 20 giugno 2015 è stata inaugurata l’OASI DELLA BIODIVERSITÀ.   Così ne ha parlato la stampa

bullet_ball_green (2)la valutazione delle emissioni in atmosfera ai fini anche della dichiarazione INES  E-PRTR a cura di Emendo Srl

La dichiarazione INES E-PRTR, (per la normativa si visiti il sito istituzionale http://www.dichiarazioneines.it/)  è il metodo adottato dall’Italia con il  DPR n157 dell’11 luglio 2011 (G.U. Supplemento Ordinario n. 224 del 26 settembre 2011) che regola l’esecuzione del Regolamento (CE) n. 166/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo all`istituzione di un Registro europeo delle emissioni e dei trasferimenti di inquinanti.
Lo scopo è
dichiarare nel  Registro europeo delle emissioni e dei trasferimenti di inquinanti gli apporti di inquinanti immessi nell’ambiente dalla specifica attività; a tale proposito si veda una dichiarazione tipo .
Nell’impianto di smaltimento Sogenus, non è però possibile convogliare tutti gli effluenti gassosi in un camino e dotarlo di una sonda che misuri le emissioni che per questo vengono definite “emissioni diffuse” e lo stesso Ministero dell’Ambiente non ha definito una normativa per misurare dette emissioni nelle discariche lasciando al soggetto obbligato alla dichiarazione la possibilità di “stimare le emissioni”.
Per il “principio cautelativo” al quale sempre la Sogenus si ispira si è preferito adottare un metodo di stima e misura a campione suggerite da altre istituzioni internazionali quale la Normativa tecnica emessa dall’Agenzia per l’Ambiente Inglese (EA) “Guidance for monitoring landfill gas surface emissions”.
Le relazioni riportano con dettaglio di particolari e foto il metodo applicato e l’impianto

2018

2017

2016

2015

2014

2013